2019 Jump To...Colombia ed Ecuador

Da casa al bar... ritorno non certo.
momi20
Messaggi: 97
Iscritto il: 01/07/2015, 12:54
Che moto hai?: Suzuki DR 350

Re: 2019 Jump To...Colombia ed Ecuador

Messaggio da momi20 » 12/10/2019, 18:17

06-09-19
per Bogotà mancano circa 470 km, devo vedere come si mette per strada, inutile stare a fare dei calcoli. Dove si arriva si arriva.
I ragazzi dell'agenzia mi avevano scritto di andare a vedere La Piramide: nulla a che vedere con quelle egiziane. Si tratta di un promontorio a forma di piramide, non costruito dall'uomo, al cui interno sono però stati ricavati dei tunnel. Uso e data di realizzazione sono incerti. Io sono arrivato ad un punto in cui però bisognava lasciare la moto e avendo dietro i bagagli ho preferito saltare e dedicare tutta la giornata all'avvicinamento a Bogotà. vi lascio comunque qualche foto trovata in rete

Immagine

Immagine

Immagine

Per forza di cose devo passare da Neiva, ma decido di farlo seguendo la ruta 43 invece della 24: niente d che, ma spesso le strade secondarie si rivelano più interessanti.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

per il pranzo mi ispirano le bancarelle fuori dal mercato

Immagine

Immagine

Immagine

talvolta si fanno degli incontri interessanti nei parchi cittadini

Immagine

panchine super per il pisolino
Immagine

ma guarda un pà

Immagine

Immagine

soste,sterrati e traffico non mancano per tutto il percorso

Immagine

verso sera sono a 140 km da Bogotà, è buio, ma la strada asfaltata è a doppia corsia per senso di marcia. Non è prudente guidare di notte, ma adesso è come essere in autostrada. Tiro dritto e arrivo alla periferia di Bogotà verso le 20.00. Velocemente cerco un'ostello e data la distanza e il prezzo scelgo il Colibrì: 5,20 euro/notte. In 10 minuti sono in zona, ma ci metto oltre 40 minuti a trovarlo: ci avrò girato attorno venti volte. L'ingresso è un lungo corridoio stretto coi muri dipinti a murales.

Immagine

Immagine

sistemo la roba in camera, la moto è proprio davanti all'ingresso e quindi esco a fare due passi. Senza saperlo ho prenotato nella zona La Candelaria, il cuore pulsante di Bogotà. Ci sono importanti monumenti, quali la Cattedrale e un'infintà di locali: perfetto e consigliato.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Avatar utente
Nonno Peppe
Messaggi: 1043
Iscritto il: 05/03/2014, 9:48

Re: 2019 Jump To...Colombia ed Ecuador

Messaggio da Nonno Peppe » 14/10/2019, 15:14

Immagine


Non vedo l'ora di partire. Mercoledì faccio la patente internazionale.
L'uomo è l'unico animale a non aver ancora capito che la vita è fatta per godersela.

http://www.motovagando.it

momi20
Messaggi: 97
Iscritto il: 01/07/2015, 12:54
Che moto hai?: Suzuki DR 350

Re: 2019 Jump To...Colombia ed Ecuador

Messaggio da momi20 » 14/10/2019, 20:20

Nonno Peppe ha scritto:
14/10/2019, 15:14
Immagine


Non vedo l'ora di partire. Mercoledì faccio la patente internazionale.
:D Benissimo...la patente internazionale non serve

momi20
Messaggi: 97
Iscritto il: 01/07/2015, 12:54
Che moto hai?: Suzuki DR 350

Re: 2019 Jump To...Colombia ed Ecuador

Messaggio da momi20 » 14/10/2019, 23:07

07-09-19
Giornata piena dedicata a Bogotà: che cavoli mica sempre si deve stare in sella. Dato che il tempo tiene decido di impiegare la mattinata per andare al santuario di El Senor Caido (Cristo Caduto) , che si trova in cima al monte Monserrate. Bisogna arrivare a 3.152 mt , partendo da circa 2600. Dal mio ostello (vicinissimo all’inizio della gradinata) sono circa 3,5 km. La costruzione della prima cappella risale al 1640 e la principale attrazione è la statua del Senor Caido, risalente al 1656. Lo scultore Pedro de Lugo la realizzò con pezzi di legno e ferro, usando capelli umani e vere ciglia per gli occhi.
Non ho scattato la foto dentro alla chiesa e quindi vi lascio questa presa dalla rete

Immagine

La partenza è vicinissima al mio ostello: nella piazza di fronte si stanno radunando tutti i gruppi di Free Walking

Immagine

Immagine

La scalinata viene fatta in tutti i modi possibili: chi va piano e si ferma(come me) col cane, di corsa, all’indietro ecc…

Immagine

Immagine

Arrivato

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

La vista di Bogotà, davvero merita la scarpinata

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Per l’ora di pranzo sono tornato giù

Immagine

Ora spendo un poco di righe e foto (anche filmato) sull’Ostello Colibrì. Si tratta di un posto perfettamente in sintonia con la città. Diciamo che per la Street Photograpy (https://it.wikipedia.org/wiki/Street_photography) cioè quelle foto che riprendono i soggetti in situazioni reali e spontanee in luoghi pubblici, Bogotà è un piccolo paradiso. L’ostello Colibrì è un’angolo di questo paradiso.
L’ingresso è un corridoio tutto dipinto con murales

https://www.youtube.com/watch?v=VMYz6_UQ9w4


Immagine

Ho anche incontrato 2 artisti che stavano lavorando a un dipinto

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Gentilissima la direzione che mi ha concesso di lasciare la moto proprio fuori dell’ingresso dell’ostello: oltre al custode sull’esterno ci sono le telecamere a circuito chiuso

Immagine

L’ostello ,all’interno, non è da meno del corridoio d’ingresso

Immagine

Immagine

Un riso veloce e sono pronto per il mio pomeriggio di walking tour

Immagine

Avendo poche ore rimango sul classico tour della Candelaria

Immagine

Incamminandomi verso la Plaza Bolivar mi fermo al museo dedicato a Fernando Botero, pittore ,scultore e disegnatore colombiano
Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Plaza Bolivar è vicinissima al museo

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Graditissima sorpresa: concerto per organo. Questo strumento risale al 1890 e nel 2016 è stato restaurato con una spesa superiore ai 600.000 euro.

Immagine

Immagine


Perdonate la qualità dell’audio..magari anche del video

https://www.youtube.com/watch?v=g8vP3x_7YAA

Immagine

Immagine

Un poco oltre la metà pomeriggio posso iniziare il mio personale Tour dei Graffiti di Bogotà: i più famosi e fotografati li trovate partendo da Plazoleta Chorro de Quevedo.
Immagine

Immagine

La piazzetta è caratterizzata da una fontana dove si dice che nel 1538 Gonzal Jmenez si fermò per abbeverare i cavalli e decise di fondare la città di Bogotà. L’atmosfera diciamo un poco bohemien è confermata dalla presenza di bar caratteristici e artisti di strada.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

https://youtu.be/Qx7-eqOvqR4

Immagine

Immagine

Immagine

Qui sono un poco fuori dai percorsi classici dei graffiti più famosi (neanche 1 km)

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Ho chiesto se potevo scattargli una foto: mi hanno risposto di si, ma solo se mi mettevo in mezzo a loro

Immagine

Qui sono ritornato nella zona della piazzetta

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Questo è probabilmente uno dei più famosi

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

A pochi km (meno di 5 km) si trova un’altra zona interessante per i murales: la Carrera 26. Io non ci sono stato perché ormai ero fuori dalla mattina, ma anche qui potrete trovare degli scatti interessanti…lasciate perdere tutti gli avvisi di fare attenzione ai “pericoli” di Bogotà, rapine e quant’altro. Il web ha ingigantito la possibilità di mostrarsi come degli intrepidi Indiana Jones, quindi normali cautele: perché se siete al mare in Italia, quando andate a fare il bagno lasciate il portafoglio dall’ombrellone ?
Questo (preso da internet) uno dei murales più celebri della Carrera 26

Immagine

Come vi dicevo sono rientrato in ostello per poter pianificare la serata: del resto è sabato. Il web mi viene in aiuto. Di solito digito il connubio Nome della Città + Punk e vedo cosa salta fuori. Per Bogotà pochino: alla fine l’unica scelta possibile è il Bar Asilo. Chiedo in ostello se sanno qualcosa di questo posto, ma non lo conoscono. Mi dice però che se esco, magari di evitare di andare verso il barrio El Chapinero: infatti il Bar Asilo è proprio nella parte sud.
Ceno prima di uscire: devo pur finire il formaggio comprato 3 giorni prima

Immagine

Sono fortunato, stasera al Bar Asilo c’è un evento speciale con un DJ Set di Reggae-Punk: biglietto d’ingresso 10.000 COP = 2,64 €

Immagine

Immagine

Immagine

Vendono anche la birra artigianale: mi faccio consigliare e prendo la Datura

Immagine

https://www.youtube.com/watch?v=_jDFpdFWhtg



I DJ suonano dei vinili e talvolta capita che “saltino”. Improvvisamente un tuffo al cuore: mi rendo conto di quanto sono vecchio ! La pista si scatena e anche dai tavolini si alzano per ballare


https://www.youtube.com/watch?v=fG8UuZ0NZGY

già la serata è Reggae + Punk: California Uber Alles dei Dead Kennedys, canta Jello Biafra. I ragazzi evidentemente la conoscono, ma temo di essere l’unico del locale che nel 1979 comprò l’album. Era troppo presto anche per i DJ di stasera: sono sulla quarantina. Controllo i battiti del polso e insomma capisco che non dovrei rischiare lo “schioppone”.
Poi arriva in sequela tutta un’altra serie di mazzate . Vado a caso
Cock Sparrier: “I’ve Got Your Number”

https://www.youtube.com/watch?v=viEXlNMvwtc

Sham 69 : “If The Kids Are United”

https://www.youtube.com/watch?v=dPkt-JS_jDA

Stiff Little Fingers :”Alternative Ulster” album che scardinò per primo il Sistema delle major discografiche: ai tempi fu l’equivalente di Napster

https://www.youtube.com/watch?v=i0amnDYGHfE

Clash : “London Calling”

https://www.youtube.com/watch?v=bqUxD97J6J4

Immagine

Immagine

Alla fine esco che sono le 2.30. Mentre rientro vedo un murales

Immagine

Poi noto una fila di taxi in una laterale: andiamo a vedere. La fila è decisamente lunga, col traffico a passo d’uomo: sarà una zona di locali. Ad un’incrocio mi fermo per fare il punto della situazione: deve essere uno dei punti top della città. Il traffico è praticamente bloccato, pieno zeppo di taxi gialli.
Una fila di ragazze in mini mini gonna mi lascia pochi dubbi. Chiedo ad un negoziante che zona sia: sono alla Calle 23, incrocio con la Carrera 16. Una zona di “Tolerancia”. La prostituzione è illegale in Colombia, ma nelle zone di “Tolerancia” si chiude un’occhio. Ci sono anche i poliziotti ( e parcheggio la moto proprio da loro) : sorvegliano che non sorgano problemi, ma le varie attività legate alle zone a luci rosse si svolgono senza intoppi. Poco distante infatti stanno giocando a dadi. Sono in quattro giocatori: ognuno lancia e il numero più alto vince. In caso di parità si mette nuovamente la puntata e si tira per vincere il piatto accumulato

Immagine

Immagine

Immagine

momi20
Messaggi: 97
Iscritto il: 01/07/2015, 12:54
Che moto hai?: Suzuki DR 350

Re: 2019 Jump To...Colombia ed Ecuador

Messaggio da momi20 » 17/10/2019, 22:27

08-09-19

E si parte per vedere l’ennesima città in stile coloniale, anche questa patrimonio dell’Unesco. Stavolta però c’è una caratteristica che mi ha incuriosito: a Villa De Leyva c’è una delle più grandi piazze del Sud America: 120 metri per lato.

Immagine

A Villa De Leyva è stata ambientata la telenovela colombiana Zorro,la spada y la rosa

Immagine

Dovrei arrivare con comodo ed avere il tempo di visitare la città: ultimi scatti all’hostal Colibrì, davvero meraviglioso

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Pronti via

Immagine

Uno stadio, la polizia, i cori: si sta arrivando al calcio d’inizio: campionato di serie B

Immagine

Mi incuriosice però il raggruppamento dei pulcini: partite tirate e tifo scatenato ma correto dei genitori.

Immagine

Finiti gli incontri sono già pronte le foto ricordo che i genitori ovviamente comprano

Immagine


Immagine

Immagine

Con un poco di fantasia si riesce a costruire un appoggio per la macchina fotografica

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Arrivo nel primo pomeriggio a Villa De Leyva situata nella Valle de la Boyaca, sulla cordigliera Andina orientale.

Ho prenotato (anche se non ce n’era bisogno) al Family Host Colombia, 4€/notte.

Immagine

Sistemati i bagagli e docciato sono uscito per gironzolare il posto. Prima tappa la Plaza Mayor: il contrasto fra la vastità della piazza e la piccola fontana centrale è davvero interessante. Su un lato la chiesa e su due lati il porticato.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Sempre presente il vento e questo favorisce l’hobby degli aquiloni

Immagine

Immagine

Immagine
Immagine

Immagine

Ovviamente i negozi disouvenir, bar, caffè, ristoranti ,pizzerie, hamburgher e tutto ciò che vi viene in mente non mancano

Immagine

Immagine

Comunque anche il resto della città è davvero godibile per una passeggiata

Immagine

Immagine

Devo anche fare un poco di spesa: stasera mi servono anche nachos e formaggio: prima partita di regular season NFL fra New York Giants e Dallas Cowboys
Vicino al mio ostello ci sono dei negozi “normali”, come prezzi intendo. Siamo dal Bus Terminal

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

In ostello penso all’itinerario di domani. Non ho poi più nulla di particolare da vedere. Quindi metto la mappa satellitare di Google Maps e studio un’itinerario che mi permetta di percorrere qualche strada secondaria in mezzo alle montagne: poi lo spiegherò meglio, ma alla fine, per me, risulterà un piccolo gioiellino il tratto indicato in rosso nella mappa.

WIFI perfetto e il mio abbonamento NFL GAME PASS funziona anche se sono fuori dall’Italia, a differenza dello scorso anno in Africa…porca miseria, non mi serve a granchè: i Cowboys battono i miei Giants per 35 a 17 !

Immagine

Avatar utente
Nonno Peppe
Messaggi: 1043
Iscritto il: 05/03/2014, 9:48

Re: 2019 Jump To...Colombia ed Ecuador

Messaggio da Nonno Peppe » 18/10/2019, 10:36

momi20 ha scritto:
14/10/2019, 20:20
Nonno Peppe ha scritto:
14/10/2019, 15:14
Immagine


Non vedo l'ora di partire. Mercoledì faccio la patente internazionale.
:D Benissimo...la patente internazionale non serve
Probabilmente non la chiedono ai controlli - a me non l'ha mai chiesta nessuno in nessuna parte del mondo - la faccio perchè c'è sempre il dubbio che, data la sua obbligatorietà, in caso di incidente non ci sia qualche assicurazione pierina che rifiuti i risarcimenti. Teoricamente senza la patente internazionale si sta guidando senza patente.
L'uomo è l'unico animale a non aver ancora capito che la vita è fatta per godersela.

http://www.motovagando.it

momi20
Messaggi: 97
Iscritto il: 01/07/2015, 12:54
Che moto hai?: Suzuki DR 350

Re: 2019 Jump To...Colombia ed Ecuador

Messaggio da momi20 » ieri, 19:35

09/09/19
Oggi è una di quelle giornate, che probabilmente possiamo programmare e trovarci divertimento, solo noi appassionati delle 2 ruote. Non ci sono monumenti, musei o luoghi storici in programma, ma solamente dei chilometri lungo un percorso. Ognuno ha i suoi gusti e metodi per programmarseli. Io ho semplicemente guardato su Google Maps, usando la mappa satellitare. Ho definito un percorso che passi attraverso la catena andina, per stradelli secondari.
Questo in dettaglio il percorso. D Villa De Leyva mi sono diretto verso Tunja, poi Belen e da qui è iniziato il percorso sterrato. 70 bellissimi chilometri. Come riferimento vi posso dare il paesino di Encino. Se ingrandite con Google Maps, avrete l'impressione che esista un'unica strada. Non è così, ci sono tantissime diramazioni. Io quindi vedevo il percorso sul cellulare, ma talvolta non le deviazioni. Comunque alla fine ci sono saltato fuori ed alla sera ho dormito in un motel lungo la strada chiamato Mecha Brava: posso solamente dirvi che era poco più di 30 km dopo San Gil.
Al mattino ho comunque fatto un'altro giretto per Villa De Leyva
Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

torno poi in ostello per la colazione

questo posto offre una sistemazione ancora più economica del dormitorio, la tenda, sistemata in un corridoio: questa devo dire che non l'avevo ancora vista. Quando l'avevo letto sul sito avevo pensato al giardino

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Non mi ricordo il paese, ma mi sono fermato per indossare le imbottiture e prelevare del contante. Ok la prima, mentre per la seconda scopro che non ci sono bancomat: si può prelevare da una farmacia, ma solo con carte colombiane. Non mi resta che provare a Belen.

Immagine

Immagine

Immagine

arrivo a Belen e trovo un bancomat

Immagine

Immagine

sempre meglio avere del cash nelle zone rurali: prima di iniziare lo sterrato ho visto questa statua votiva ed ho pensato bene di chiedere la protezione divina: so di cosa sono capace (in negativo) sul non-asfaltato

Immagine

non mi dilungherò poi molto in spiegazione: spero che le foto rendano adeguatamente quello che mi ha riempito gli occhi mentre guidavo

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

le prime presenze umane lungo il percorso

Immagine

Immagine

sono una famiglia di muratori, ma adesso stanno costruendo la propria casa: mi offrono anche la limonata

Immagine

Immagine

il primo cartello stradale !!!!

Immagine

Immagine

Immagine

nonostane il livello e la velocità dell'acqua ho comunque affrontato il guado

Immagine

stanno portando alla vendita le piante di caffè: la principale debolezza dei coltivatori locali. Non hanno gli strumenti e le conoscenze per processarlo per conto proprio

Immagine

Immagine

Immagine

l'asfalto

Immagine

Immagine

Immagine

arrivo a San Gil, ma ho ancora della luce a disposizione: non ho voglia di fermarmi in un posto con tanta gente.

Immagine

faccio rifornimento, prendo un caffè e proseguo

Immagine

Dopo circa 32 km è completamente buio: ad un ponte vedo un motel con di fronte un ristorante. Tanti camion: significa che costa poco ed è sorvegliato. Infatti la stanza è a 18.000 COP (4,69 €). Un omone grosso mi fa vedere la stanza: appoggio la roba, mi giro ed è già lì con asciugamano, saponetta e telecomando per la televisione. pago e siamo a posto: niente registrazione.
Dopo la doccia attraverso la strada e vado a cenare

Immagine

Immagine

quando riattraverso la strada, noto che ci sono delle oche nella zona del motel. Appena mi avvicino iniziano a starnazzare. immediatamente appare un'altro omone con una torcia: mi fa segno di andare. Ho capito: le oche da guardia, posso dormire tranquillo.

Rispondi