Racconti scellerati, Dakar 2016

Racconti scellerati. Una simpatica e divertente serata organizzata dall’Associazione Motociclistica Ciapa la Moto di Milano. Una serata passata ad ascoltare le impressioni e i racconti dei nostri piloti di ritorno dalle fatiche dell’ultima avventura: la Dakar 2016.

Martino Bianchi General Manager di Honda HRC assieme a Paolo Ceci in un simpatico scambio di battute raccontano un po’ i problemi e soprattutto la sfiga che quest’anno ha colpito la Honda partita tra le favorite ma poi costretta ad accontentarsi di un sempre ottimo quarto posto.
Divertente Paolo Ceci che se la ride nel raccontarci com’è andata la sua avventura da “rimorchiatore” alla Dakar 2016. Ricordiamoci che ha stabilito il record di traino e che grazie a lui i suoi compagni di squadra, Barreda e Gonçalves, sono riusciti ad arrivare al bivacco.

Tostissimo Manuel Lucchese, terzo nella categoria Malles Moto. S’è fatto la Dakar 2016 senza aiuti affrontando da solo tutta la gara. Di giorno correva, di notte sistemava la moto dormeno/riposando solo 2 ore a notte. Caduto dopo che un cane gli ha attraversato la strada, svenuto mentre correva causa l’altitudine elevata.

Gigante Francesco Catanese che anche quest’anno s’è fermato rigorosamnete solo come gli piace ormai fare nel bel mezzo del deseto. Ci racconta anche com’è difficile ritornare quando finisce la Dakar. E ci tiene a sottolineare che il solo prendere parte alla Dakar è già una vittoria. Non è una corsa per tutti.

Alessandro Barbero e Simone Agazzi tutti sorridenti nel raccontarci anche le loro cadute, di caschi e costole rotte.

1 racconti scellerati dakar 2016 2 racconti scellerati dakar 2016 3 racconti scellerati dakar 2016 4 racconti scellerati dakar 2016 5 racconti scellerati dakar 2016 6 racconti scellerati dakar 2016 7 racconti scellerati dakar 2016 8 racconti scellerati dakar 2016 9 racconti scellerati dakar 2016 10 racconti scellerati dakar 2016 11 racconti scellerati dakar 2016 12 racconti scellerati dakar 2016 13 racconti scellerati dakar 2016

Questo articolo parla di:
No Comments

Post A Comment