Espana Tour

Il viaggio in Spagna è stata la vacanza “tipo” che noi amiamo fare:
tanti chilometri, tanti posti visitati, tante mangiate e bevute, poco riposo e una cosa essenziale, tutti i partecipanti amano macinare chilometri.

Qualche dato numerico:
– 6.700 km percorsi;
– 1.300,00 Euro circa la spesa totale, di cui 500,00 euro di benzina;
– quattro moto e cinque viaggiatori:
Yamaha XTZ 750 Supertenerè – Giancarlo
Yamaha TDM 850 – Marco & Veronica
Honda XRV 750 Africa Twin – Luigi
Kawasaki KLE 500 – Girolamo.

spagna-in-moto-1
spagna-in-moto-2
spagna-in-moto-3

Si parte venerdì 8 agosto da Fondi alle 5:30, ci fermiamo per la notte dopo circa mille km, ad Aix en Provence, in Francia.
Nel tardo pomeriggio del 9 arriviamo a Barcellona, i campeggi sono pieni e costosi, verso le 23:00 dopo un pò di contrattazione troviamo un hotel 4 stelle, molto bello, a 25 Euro a testa.
Barcellona è stupenda, si gira con facilità e ci sono dei palazzi e dei monumenti la cui architettura è fantastica. Da non perdere la Sagrata Familia, veramente suggestiva e il Parco de la Citadella, un posto un po’ magico. La Rambla, via principale del passeggio è sempre piena di gente.

44 gradi

11 Agosto 2003
Dopo pranzo i termometri segnano 44 grandi, siamo a Madrid.
Alloggiamo in un Hostal ( la fontana – www.hostallafontana.com) al centro della città, gestito da Ignazio, un italiano. Oltre che girare un po per la città, visitiamo il museo Reina Sofia dove ci sono esposte, fra le tante, le opere di Picasso e Mirò, ne vale la pena. Se passate a Madrid e volete mangiare una paella coi fiocchi, andate al ristorante “La Barraca”.
Continuiamo il viaggio verso nord in direzione A Coruna. A metà pomeriggio del 14/08/03 siamo arrivati, troviamo un campeggio, bello e pulito, poco distante dalla città. Durante il viaggio siamo passati dagli oltre 40 gradi di Madrid ai 22 gradi di A Coruna. La città è viva e pienissima di gente e quest’aria fresca è l’ideale.
Il giorno di ferragosto è uno di quelli che ti rimangono dentro per sempre.
Ci alziamo e piove ma in un attimo di pausa usciamo dalla tenda, indossiamo gli indumenti per la pioggia e via…!!
Arriviamo a Cabo Finisterre, che gli antichi pensavano fosse la fine del Mondo, poichè è il punto più occidentale dell’Europa. Il paesaggio è mozzafiato: un faro in cima ad un promontorio che si affaccia sull’oceano avvolto da una nebbiolina che il vento sposta velocemente.
Per pranzo ci fermiamo in una tattoria vicina al porto, un posto molto tipico, con tanti pescatori che aggiustano e piegano le reti. Scopriamo che al nord si mangia pesce fresco spendendo pochissimo! Dopo pranzo ritorniamo al faro, abbiamo visto delle strade sterrate, non possiamo andarcene senza sporcarci un pò. Sono brevi ma fare fuoristrada su quegli sterrati a picco sull’oceano è uno sballo! La pioggia ci accompagna per tutto il giorno.
La giornata del 16/08/03 la passiamo in relax, un po di mare poi la sera cena a A Coruna, dove mangiamo dei crostacei giganti.

cabo-finisterre-2 cabo-finisterre-in-moto cabo-finisterre spagna-in-moto-3

Bilbo e San Sebastian

Dopo una tappa di trasferimento il 18 arriviamo tra Bilbo e San Sebastian. Piantiamo la tenda in un campeggio a 60 km da Bilbao e 30 km da San Sebastian.
A Bilbao c’è la “Semana Grande”, i negozi sono tutti chiusi, la città e in festa, il centro è tutto allestito con palchi in ogni piazza per ospitare gruppi che suonano, verso le 23:00 c’è così tanta gente che bisogna fare attenzione a non perdersi il resto della comitiva! E’ veramente spettacolare. Questa serata la ricorderemo sopratutto per il temporale preso al ritorno in campeggio alle 5:00 del mattino: terrificante!!
A San Sebastian la “Semana Grande” c’era stata la settimana precedente ma nonostante questo la città è ancora popolata e molto carina.
Purtroppo siamo giunti alla mattina del 22 agosto, ore 6:45, ci mettiamo in marcia per il ritorno. Facciamo una tappa in Francia per la notte, il 23 a sera siamo a Fondi.

vacanza-in-spagna spagna-costa-nord semana-grande-sporcoenduristi campeggio-spagna

La Spagna è bellissima, non è cara, si mangia bene, gli spagnoli sono persone squisite. Anche se con frequenti piogge il nord è più adatto alla moto sia per il clima più fresco, sia per la strada con panorami fantastici. Anche i campeggi sono migliori e più economici.
Comunque a sud vale la pena passare per le città ( es. Madrid, Barcellona ecc..).

Non c’è una sola Spagna; percorrendola da Sud-Est fino a Nord-Ovest abbiamo ammirato le varie Spagna che ci si presentavano, diversissime tra loro. Da Barcellona a Ortigheira, da Madrid a Villaviciosa, da cabo Finisterre a cabo Higuer, da A Coruna a Donostia. Passando dai locali di Barcellona per arrivare in uno sperdutissimo ristorantino sul molo di cabo Finisterre. Dai chiassosi festeggiamenti della Semana grande di Bilbo alle 5:30 al silenzio impotente davanti alle onde dell’oceano.
La Spagna ti segna dentro, ti stimola tutti i sensi con i suoi 1000 volti.

Questo articolo parla di:
No Comments

Post A Comment