Islanda farlocca

Bella giornata qui a Roma, sole e temperatura mite fanno pensare già all’estate.
Estate, non vedo l’ora. Non vedo l’ora di preparare le valigie e partire, Islanda arrivoooooo!

Fermo al volo la moto e senza togliermi il casco mi tuffo in edicola.
Fantastico su Fuori e su Due Ruote ci sono due servizi che hanno come sfondo l’Islanda. Bene!
Li prendo tutti e due e mi precipito a casa, non vedo l’ora di sfogliare e sognare.
Mi accomodo nel posto più comodo per leggere, la tazza del bagno.

Islanda di Fuori

Inizio da Fuori, subito al sommario, recupero il numero della pagina ed eccomi sul fantastico articolo di un certo Carlo.
Ricco di consigli e dritte utilissime per un viaggio in Islanda: treni portamoto, caratteristiche delle piste, anche quelle interne, i porti.
Ma che bello, non vedo l’ora di partire anche io.

Islanda di Due Ruote

Bene, non guardo nient’altro, chiudo Fuori ed eccomi in meno di un secondo con i polpastrelli a sfogliare le pagine di Due Ruote.
Eccolo! Pagina 54 due KTM LC8 che scendono su uno sterro islandese e a pagina 55 il titolo dell’articolo “Ai confini del mondo” e nel sottotitolo si legge di questo viaggio avventura in Islanda affrontato per testare queste splendide maxi enduro.
Sfoglio le pagine, leggo, e guardo… guardo… mi sistemo gli occhiali e guardo meglio.
Che strano, e che strane queste foto.
M’è passato lo stimolo, mi riallaccio i pantaloni ed esco dal bagno.
Sospettoso come una nutria romana prendo il portatile e mi collego alla rete e mi basta scrivere su Google solo due paroline “KTM Islanda” e cliccare su “cerca”.

Come secondo risultato eccomi un file .pdf direttamente dal sito della KTM.

risultati ricerca googleIslanda1 Islanda2 Islanda3

Ecco dove avevo già visto queste foto!

Ma davvero l’ottimo Padovani che ha firmato l’articolo non ha scattato nemmeno una foto lì in Islanda e le ha rimediate dal sito della KTM?
Ma questi ci sono stati davvero in Islanda? Ma le hanno guidate davvero le due KTM?

Mi sento preso in giro, non tanto come lettore, ma come motociclista. Ma quante altre moto hanno testato senza scattare una sola foto, e senza nemmeno averle guidate?

M’è ritornato lo stimolo, vado in bagno, mi porto tutte e due le riviste, almeno una la leggo.

Questo articolo parla di:
No Comments

Post A Comment