Revisione pinza freno

Revisione completa pinze freno anteriori effettuata su Honda Africa Twin, ma adattabile a qualsiasi moto.

Cosa serve:

  • Chiave da 12 per svitare i due bulloni di ancoraggio della pinza allo stelo forcella.
  • Chiave da 14 a bussola per svitare il raccordo del tubo dei freni dalla pinza.
  • Giravite grande a spacco e una brugola da 5 per togliere le pasticche. (consiglio)
  • Chiave da 8 anche per fare il successivo spurgo dei freni e per staccare il tubo freni dallo stelo della forcella.
  • Bacinella o un altro recipiente adatto per raccogliere l’olio dei freni e successivamente smaltirlo gratuitamente presso i centri autorizzati. (nota >>>)
  • Tubicino di plastica trasparente per collegare la valvolina di spurgo al recipiente.
  • Giravite a croce per rimuovere il coperchio della vaschetta della pompa freno al manubrio.
  • Stracci.
  • Piccolo cacciavite a spacco per rimuovere i parapolvere dall’interno della pinza.
  • Un vecchio spazzolino.
  • Pasta abrasiva finissima.
  • Guanti in lattice.
  • Uno o più amici per farsi aiutare e scambiare due chiacchiere.
  • Una o più bottiglie di birra.

A lavoro!

Per effettuare il lavoro sarebbe opportuno proteggere mani e occhi in quanto l’olio dei freni è corrosivo e irritante.

Iniziamo con l’allentare il perno delle pasticche (brugola da 5 o chiave da 8) dopo aver svitato, se presente, il tappo di protezione.
Allentiamo SOLO LEGGERMENTE il raccordo del tubo freno (chiave a bussola da 14), e la vite di spurgo dell’olio (chiave da 8) dopo averne sfilata la protezione in gomma.
Tali operazioni conviene farle quando la pinza è ancorata allo stelo per facilitarne il successivo smontaggio.

Per il raccordo tubo freno e la vite di spurgo allentare solo leggermente per evitare che cominci a fuoriuscire l’olio quando la pinza è ancora sullo stelo.
Svitiamo completamente i due bulloni di ancoraggio della pinza allo stelo (chiave da 12).
Ricordiamoci di posizionare il recipiente dove far scolare l’olio dei freni.

Sfiliamo la pinza dal disco (se risultasse difficoltoso, provvedere ad allontanare le pasticche usando un cacciavite a spacco posizionandolo in modo da non rovinare nè disco nè pasticche).

Allentiamo definitivamente e sfiliamo il perno delle pasticche facendo attenzione alle due “piastrine di posizionamento” che andranno tolte e riposte in un posto sicuro.

Togliamo le pasticche; se il materiale di attrito residuo risultasse inferiore a mm……… al rimontaggio sostituirle con pasticche nuove.

Svitiamo completamente il raccordo del tubo del freno facendo attenzione alle due rondelle di rame che fungono da guarnizione e facciamo scolare nel recipiente l’olio presente sia nei tubi che nella pinza (indossate guanti in lattice e pulite immediatamente se dovesse scolare da qualche parte).

revisione pinza freno

Estrazione, pulizia e sostituzione pistoncini.

Procediamo all’estrazione dei 2 pistoncini utilizzando un attrezzo “casareccio”.
Utilizzando questo attrezzo i 2 pistoncini dovrebbero venire via facilmente.

004

005

008

006

Qualora non venissero via dalla loro sede, mettiamo in morsa la pinza e ripetiamo l’operazione.

009

010

007

Puliamo i 2 pistoncini con uno straccio e della pasta abrasiva finissima; insistiamo fino ad ottenere un bel risultato, tipo pistoncino della Brail.

011

012

013

Aiutandoci con un piccolissimo cacciavite rimuoviamo i 4 parapolvere di gomma (2 per foro) dalla pinza.

014

Iniziamo a pulire la pinza utilizzando un comune spazzolino per denti, spray (tipo WD 40) e pasta abrasiva finissima.

015

016

Se ne abbiamo la possibilità , a fine pulizia, diamo una soffiata con il compressore.

Prendiamo i nostri nuovi parapolvere e inseriamoli nella pinza.

017

018

Per finire rimettiamo a posto i nostri 2 pistoncini, le due piastrine di posizionamento, infiliamo le pasticche, il perno pasticche, ricolleghiamo il tubo freno alla pinza (bussola da 14) e rimettiamo in sede la pinza serrando alla coppia specificata i due bulloni di ancoraggio (chiave da 12).
019

A questo punto passiamo alla pulizia, qualora ce ne fosse bisogno, dell’interno della vaschetta della pompa.
Possiamo utilizzare uno straccio pulito o della carta assorbente per asciugare ogni traccia dell’olio vecchio e poi ci armiamo di pazienza per rimettere in pressione tutto l’impianto (per quest’ultima operazione è meglio essere in due per dividersi i compiti: uno provvede allo spurgo e l’altro a mettere l’olio nella vaschetta ed a pompare con la leva del freno).

Cominciamo a versare l’olio freni nella vaschetta (attenti a non farlo colare fuori, eventualmente usate una siringa); colleghiamo il tubicino di plastica trasparente alla valvolina di spurgo e la allentiamo di circa mezzo giro. L’addetto alla leva freno comincia a pompare delicatamente sulla leva e ad aggiungere olio in modo da non lasciare MAI la vaschetta vuota (dobbiamo evitare di far rientrare aria nel circuito), l’addetto allo spurgo dopo un po’ vedrà cominciare a defluire l’olio dal tubicino trasparente. Possiamo far defluire tranquillamente l’olio nuovo che così trascinerà tutto l’olio vecchio eventualmente ancora presente nell’impianto. A questo punto chiudiamo la valvolina di spurgo e cominciamo a pompare sulla leva del freno, poi, tenendo tutta la leva premuta, apriamo e chiudiamo velocemente di mezzo giro la valvolina di spurgo, diamo altre pompate, teniamo premuta la leva e allentiamo di nuovo la valvolina di spurgo e richiudiamo. Questa operazione che andrà avanti per le lunghe, sarà interrotta solo quando non vedremo più bolle d’aria fuoriuscire dal tubicino e da sopra la vaschetta della pompa. Chiudiamo definitivamente la valvolina di spurgo, rimettiamo il cappuccio in gomma, e richiudiamo la vaschetta della pompa.
Attenzione: durante quest’operazione la leva del freno sarà morbidissima, non vi scoraggiate. A mano a mano che l’aria defluirà dalla valvolina e dalla vaschetta, e quindi l’impianto comincerà ad entrare in pressione, la leva diventerà sempre meno “morbida” fino a tornare normale.

Il tempo necessario per effettuare l’operazione sopra descritta è variabile e legato a vari fattori, ma generalmente è direttamente proporzionale a: pignoleria nella pulizia e lucidatura dei vari componenti, numero di amici presenti, numero di birre disponibili.

Consiglio

Conviene sostituire il perno originale con perno after market (per l’Africa Twin RD07 e 07A, bisogna acquistare un perno lungo 7 cm per la pinza posteriore e due perni da 5,5 cm per le pinze anteriori) con testa esagonale a chiave da 8, quello originale di solito si ossida e finisce per bloccarsi nella sua sede.

pernopinza

Schema pinza freno

schemapinza

schemapinza2

schemapinza1

Nota

Il numero verde del consorzio per gli olii esausti: 800 863 048.
Chiamando, danno l’indirizzo del più vicino deposito dove potrete consegnare gratuitamente il vostro olio esausto (max 30 lt. per i privati).
Per Roma la soc. incaricata è la NIECO (tel 06 4190596) con sede in Via Amaseno 46 (zona Settecamini/Via di Salone).
Orari dal lun al ven dalle 08,30 alle 12,30 e dalle 13,30 alle 17,30.

Per quanto tale operazione sia facilmente eseguibile da chiunque abbia un minimo di praticità meccanica, lo Staff di Sporcoendurista declina qualsiasi responsabilità da danni a cose, persone o animali, nomi e città.

1 Comment
  • Beppe EN duro
    Posted at 10:14h, 21 giugno Rispondi

    veramente ben fatto…… ma non ho capito a cosa servono le birre se non ne hai mai parlato……..
    Per noi toscani serve anche il terzo libro delle bestemmie, i primi due sono ormai esauriti.

Post A Comment